domenica 9 dicembre 2018

IL GRANDE ATLANTE DEI DINOSAURI


“Per un attimo mi chiesi dove avevo già visto quella sagoma sgraziata che inarcava il dorso rivestito da una frangia triangolare e quella strana testa da uccello che si teneva a pelo del terreno. Poi ricordai. Era lo stegosauro, esattamente la creatura che Maple White aveva ritratto nel suo album da disegno e che aveva subito attratto l’attenzione di Challenger...il terreno tremava sotto il suo peso tremendo, ed il modo in cui tracannava l’acqua risuonava nel silenzio della notte...” 



Queste brevi righe sono tratte dal libro di Conan Doyle “Il mondo perduto: la valle dei dinosauri”. Lo stegosauro descritto in tutta la sua straordinaria maestosità è certamente comparso nella vostra memoria, ma avete mai visto le dimensioni di quelle frange triangolari poste sul dorso? Sapete cosa significa il suo nome? E in quale continente è stato rinvenuto?

Non è necessario andare al museo o contattare un esperto paleontologo per rispondere a queste domande. Basta sfogliare un eccezionale libro di divulgazione scientifica edito dall’ Editoriale Scienza dal titolo “Grande atlante dei dinosauri” scritto e illustrato da A. Rooney e J. Gilleard. E' un viaggio nelle trame del tessuto del tempo profondo, esattamente nel Mesozoico, da 252 a 66 milioni di anni fa, periodo in cui tutti i continenti erano popolati dai dinosauri. 

Nelle doppie pagine del testo si trovano tantissime informazioni sulle scoperte passate e più recenti dei dinosauri di ogni continente, dal Nord America in cui sono stati rinvenuti più fossili di dinosauro che altrove, al Sud America, all'Europa passando per l'Asia dove Cina e Mongolia hanno preservato giacimenti ricchissimi di dinosauri ed infine all'Africa, all'Antartide ed all'Australia. 

Il libro, realizzato con la consulenza del dott. David Button, paleontologo e cacciatore di dinosauri presso il Museo di Scienze Naturali della Carolina del Nord, America, contiene mappe che localizzano i luoghi delle scoperte delle specie più importanti dei dinosauri, rappresentati da fotografie e disegni, corredati da indiscrezioni, singolarità e dettagli poco conosciuti. 
Ancora all'interno di ogni pagina cartonata si possono ricercare delle finestre da aprire che stuzzicano l'interesse dei ragazzini più curiosi. Non mancano approfondimenti in merito alla fossilizzazione dei dinosauri, scopritori e cacciatori di dinosauri, alla tettonica a zolle, alla deriva dei continenti e all'evoluzione di questi rettili, tutti argomenti trattati con un buon rigore scientifico ma di facile lettura poichè il libro è consigliato per bambini dagli 8 anni in su. 

Non manca una pagina con il dinosauro più amato di tutti, il tirannosauro raffigurato con le piume, particolarità che non passerà inosservata ma che prende in considerazione le ultime teorie sui dinosauri piumati. 

Caratteristica unica di questo volume è stata inserire sotto forma di fotografie alcuni reperti fossili in grandezza naturale, un modo per emozionare ancora una volta i piccoli e grandi lettori appassionati di questi rettili ormai estinti.



A proposito... non avete mai visto le dimensioni di quella frangia triangolare sul dorso dello stegosauro... la piastra ossea citata da C. Doyle nella descrizione sopra... trovatela in grandezza naturale nel libro!



Per acquisti ed informazioni, la casa editrice si trova a questo link:

giovedì 6 dicembre 2018

AL CINEMA IL DOCUMENTARIO "DINOSAURS"


Arriva al cinema dal 10 al 12 dicembre 2018 un lungometraggio diretto da Francesco Invernizzi e distribuito da MagnitudoFilm dal titolo "Dinosaurs" che racconta la passione dei paleontologi alla scoperta dell'era Mesozoica e dei suoi straordinari rettili. E' il primo science road movie che ripercorre sotto tutti gli aspetti la storia dei più recenti ritrovamenti nel settore della paleontologia.


Per ulteriori informazioni sulle sale che proiettano il film e per visionare il trailer del documentario: 


lunedì 10 settembre 2018

RIAPRE "RITORNO AL GIURASSICO. PUO' CONTENERE TRACCE DI DINOSAURI"

RIPRENDE IL VIAGGIO INTERATTIVO NEL TEMPO ALLA SCOPERTA DELL’EVOLUZIONE DELLA BIODIVERSITÀ

Il Parco Nord Milano torna a essere la casa dei dinosauri. 

La mostra “Ritorno al Giurassico. Può contenere tracce di dinosauri”, ideata e curata da Associazione Idea e Coolture, nell’ambito del programma #verdemiracoloamilano cofinanziato dalla Fondazione Cariplo - riapre dopo l’estate, sabato 15 settembre, nell’ambito del XII Festival della Biodiversità (13/23 settembre 2018) -, presso la Cascina Centro Parco di Parco Nord Milano. 

La mostra sarà aperta tutti i sabati, le domeniche e i festivi , dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30 fino a fine 2018 e, solo nel periodo del Festival, da lunedì 17 a venerdì 21 settembre, anche dalle 16.30 alle 18.30.

Il calendario di settembre prevede due eventi speciali:

Venerdì 21 settembre alle ore 18.30:
Presentazione del libro “Dinosauri dalla A alla Z”, di Paola D’Agostino (De Agostini Editore). L’autrice racconterà il mondo dei dinosauri, citando sia gli esemplari più noti e più curiosi, sia quelli italiani. Evento gratuito, via Clerici, 150 Sesto San Giovanni.

Sabato 15 settembre e sabato 22 settembre, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 19.00:
Laboratori di robotica, in cui i bambini potranno cimentarsi nella creazione di un DinoRobot con i mattoncini Lego. Imparare giocando perché i più piccoli potranno “dare vita” ai dinosauri, seguendo le istruzioni degli operatori che li aiuteranno nella programmazione. 

Costo laboratorio: 10,00 euro - costo mostra+laboratorio 14,00 euro. 
Rivolto ai bambini dai 6 anni, via Clerici, 150 Sesto San Giovanni.

La mostra: “Selfie” con dinosauri in realtà aumentata e animali vivi
Un Tyrannosaurus rex e un Parasaurolophus, immersi nei pannelli posizionati di fronte ai due ingressi, accolgono i visitatori. Grazie all’app, che si può scaricare gratuitamente sullo smartphone, i due dinosauri compaiono in dimensione reale, dando così la possibilità a grandi e piccini di farsi un selfie con il dinosauro.

La mostra è un progetto di edutainment, in tre sale, sulla biodiversità e sull’evoluzione del territorio e della vita sulla terra, che catapulterà il visitatore a contatto con animali vivi (i piranha, il pitone reale, le farfalle tropicali, il millepiedi gigante africano, le blatte soffianti del Madagascar) scelti in base a caratteristiche che li accomunano con specie del passato permettendo così di confrontarne adattamenti, alimentazione, caratteristiche anatomiche e altri aspetti significativi. I quattro dino-sauri ritrovati su suolo italiano (Tito, Antonio, Ciro e il Saltriosauro), daranno vita ad un’esperienza interattiva unica che dall’Era glaciale ci conduce fino ai giorni nostri.

Le tecnologie multimediali
Il percorso sarà arricchito dalla realtà aumentata, marchio di fabbrica degli ultimi progetti di Coolture. Il visitatore diventa, quindi, uno spettatore che potrà immergersi in una spiaggia preistorica a contatto con i quattro dinosauri protagonisti della mostra, sfruttando tecnologie multimediali interattive come video didattici, visore a 360°, voce narrante e video guida. Ritorno al Giurassico presenta inoltre i modelli dei quattro dinosauri italiani, con la possibilità di acquistare gadget creati con la stampante 3D.

Laboratori didattici e l’app in realtà aumentata
Un’esperienza unica. A renderla tale contribuiscono i laboratori pratici condotti da divulgatori scientifici esperti che permettono di svolgere esperimenti in prima persona sulle tematiche proposte dalla mostra. I partecipanti per rendere ancora più realistica l’esperienza e per imparare divertendosi, potranno scaricare gratuitamente un’applicazione mobile con gioco didattico in realtà aumentata, progettata da Orange ID. Per le aziende, sono in programma anche eventi di team building in cui la mostra diventa l’occasione per approfondire tematiche legate agli strumenti manageriali.

Qualche cenno di storia
Come per le due mostre precedenti "Welcome to the Jungle e Animali vs Supereroi", anche questa vuole indagare - da un punto di vista inedito - la biodiversità del territorio del Parco Nord Milano, collegandosi alla sua storia ancestrale, che inizia milioni di anni prima dell’arrivo della Breda e del Parco. La pianura padana infatti non è sempre stata la grande area pianeggiante e fertile che oggi ben conosciamo; nel corso dei suoi molti milioni di anni di storia si è trasformata, ed è stata sotto-posta a numerosissimi cambiamenti climatici e morfologici.
Nel Paleozoico, ad esempio, l’area del Parco era parte di una piattaforma continentale piuttosto arida. All’epoca dei dinosauri, nel periodo Giurassico (circa 190 milioni di anni fa), era invece parte di un mare caldo dalle acque calme popolato da pesci di ogni forma e dimensione e da altri bizzarri animali.

La visita è adatta anche per scuole di ogni ordine e grado.

INFORMAZIONI GENERALI
“Ritorno al Giurassico. Può contenere tracce di dinosauri”
presso la Cascina Centro Parco di Parco Nord Milano
via Clerici 150 - Sesto San Giovanni (ampio parcheggio disponibile)
Coi mezzi pubblici: MM5 BIGNAMI o Metrotramvia 31
dal 15 settembre fino a dicembre 2018.

www.ritornoalgiurassico.it

ORARI E PREZZI PUBBLICO:
Siamo aperti sabato, domenica e festivi
10.30.12.30 14.30-18.30
(dal 17/09/2018 al 21/09/2018 dalle 16.30 alle 18.30)

Visita guidata alla mostra 6,00€ ridotto 4,00€
Visita guidata + laboratorio 10,00€ ridotto 8,00€
I bambini 0-3 anni entrano gratis
Hanno diritto alla riduzione: I bambini di 4 e 5 anni e gli over 65
I gruppi di minimo 10 componenti paganti.
Famiglie numerose da 5 componenti in su (paganti)

Organizzazione compleanni: a partire da 10,00€ a bambino (min 10 max 25 partecipanti) Gadget per festeggiati e invitati.
Possibilità di organizzare team building per aziende e privati.

CONTATTI:
393 0837918  -  info@coolture.eu - www.ritornoalgiurassico.it
Non è necessaria la prenotazione

INFO SCUOLE:
Prenotazione obbligatoria
329 3831029 idea@ideainrete.net

ORGANIZZATORI
Coolture, Parco Nord Milano e Associazione Idea. 

Consulenza scientifica Paola D’Agostino. Direzione artistica e consulenza scientifica Diego Sala. 
www.coolturemilano.it; ideainrete.net; orange-id.it; elvalue.it

L’iniziativa sostiene i progetti di riqualificazione di Parco Nord Milano grazie ai proventi delle donazioni e della vendita di gadget.

Coolture. Nasce dalla partnership di un pool di professionisti di diversa estrazione professionale che uniscono passione e competenze costituendo un team in grado di creare, sviluppare e gestire progetti culturali che diventino strumenti di comunicazione e formazione per il territorio e per le aziende. Da ottobre 2015 è impegnata nell’ideazione, progettazione, esecuzione e gestione di attività culturali.

Associazione Idea. Dal 2006 si occupa di progettazione, gestione ed esecuzione di attività di di-dattica e divulgazione scientifica. Tra le attività: Oasi Bosco WWF di Vanzago, WWF Italia, Micro-Lab il laboratorio del Parco Nord Milano, Educational Oxy.gen Zambon, Museo di Scienze Naturali di Brescia e ForestLab Casa delle Farfalle Idroscalo

Con il contributo di: Fondazione CARIPLO

lunedì 12 marzo 2018

"RITORNO AL GIURASSICO" - PUO' CONTENERE TRACCE DI DINOSAURI


UN VIAGGIO INTERATTIVO NEL TEMPO ALLA SCOPERTA DELL’EVOLUZIONE DELLA BIODIVERSITA’

Nell’ambito dell’ambizioso programma #verdemiracoloamilano cofinanziato dalla Fondazione Cariplo lunedì 2 aprile 2018 apre presso la Cascina Centro Parco di Parco Nord Milano la mostra “Ritorno al Giurassico. Può contenere tracce di dinosauri” ideata e curata da Associazione Idea e Coolture.

Questa non è solo una mostra sui dinosauri!
 E’ un progetto di edutainment sulla biodiversità e sull’evoluzione del territorio e della vita sulla terra, attraverso cui il visitatore può entrare in contatto con animali vivi (i piranha, il pitone reale, le farfalle tropicali, il millepiedi gigante africano, le blatte soffianti del Madagascar) scelti in base a caratteristiche che li accomunano con specie del passato permettendo così di confrontarne adattamenti, alimentazione, caratteristiche anatomiche e altri aspetti significativi. I quattro dinosauri ritrovati su suolo italiano (Tito, Antonio, Ciro e il Saltriosauro), daranno vita ad un’esperienza interattiva unica che dall’Era glaciale ci conduce fino ai 
giorni nostri. 
Un percorso arricchito dalla realtà aumentata, che ormai da due anni caratterizza i progetti di Coolture, attraverso cui lo spettatore si ritrova immerso in una spiaggia preistorica a contatto con i quattro protagonisti della mostra, e da tecnologie multimediali interattive: video didattici, visore 360°, voce narrante e video guida.

Ritorno al Giurassico presenta inoltre i modelli dei quattro dinosauri italiani e dà la possibilità di acquistare gadgets stampati con la stampante 3D.

A rendere unica l’esperienza i partecipanti vengono coinvolti in laboratori pratici condotti da divulgatori scientifici esperti che permettono di svolgere esperimenti in prima persona sulle tematiche proposte dalla mostra e possono scaricare gratuitamente un’applicazione mobile con gioco didattico in realtà aumentata.

Come per le due mostre precedenti Welcome to the Jungle e Animali vs Supereroi, anche questa vuole indagare - da un punto di vista inedito - la biodiversità del territorio del Parco Nord Milano, collegandosi alla sua storia ancestrale, che inizia milioni di anni prima dell’arrivo della Breda e del Parco.

La pianura padana infatti non è sempre stata la grande area pianeggiante e fertile che oggi ben conosciamo; nel corso dei suoi molti milioni di anni di storia si è trasformata, ed è stata sottoposta a numerosissimi cambiamenti climatici e morfologici.

Nel Paleozoico, ad esempio, l’area del Parco era parte di una piattaforma continentale piuttosto arida. All’epoca dei dinosauri, nel periodo Giurassico (circa 190 milioni di anni fa), era invece parte di un mare caldo dalle acque calme popolato da pesci di ogni forma e dimensione e da altri bizzarri animali.

Nel corso del cosiddetto Arcipelago Europeo si andò incontro a un progressivo raffreddamento climatico, e la pianura padana (e con essa il Parco) cambiò notevolmente forma e clima, con conseguente diversificazione degli animali e delle piante presenti.

Durante l’Era Glaciale vi furono notevoli raffreddamenti climatici in tutto il globo, e anche il Parco si ritrovò sepolto da una spessa coltre di ghiaccio, e la vita dovette adattarsi a queste condizioni estremamente rigide.

La visita è adatta anche per scuole di ogni ordine e grado.

INFORMAZIONI GENERALI
“Ritorno al Giurassico. Può contenere tracce di dinosauri”
presso la Cascina Centro Parco di Parco Nord Milano
via Clerici 150 - Sesto San Giovanni (ampio parcheggio disponibile)
Coi mezzi pubblici: MM5 BIGNAMI o Metrotramvia 31
dal 2 aprile all’8 luglio 2018

ORARI E PREZZI PUBBLICO
Siamo aperti sabato e domenica e festivi
10.30/12.30 - 14.30/18.30

Visita guidata alla mostra 6,00€ ridotto 4,00€
Visita guidata + laboratorio 10,00€ ridotto 8,00€
I bambini 0-3 anni entrano gratis
Hanno diritto alla riduzione: I bambini di 4 e 5 anni e gli over 65
I gruppi di minimo 10 componenti paganti.
Famiglie numerose da 5 componenti in su (paganti)
Organizzazione compleanni: a partire da 10,00€ a bambino (min 10 max 25 partecipanti) Gadgets per festeggiati e invitati.
Possibilità di organizzare team building per aziende e privati.

PER INFO: 393 0837918  info@coolture.eu
Non è necessaria la prenotazione

INFO SCUOLE Prenotazione obbligatoria 329 3831029

ORGANIZZATORI
Coolture, Parco Nord Milano e Associazione Idea.

I NOSTRI PARTNERS
L’allestimento e gli eventi sono stati realizzati in collaborazione con Rettil Jungle (www.rettiljungle.com), Fabbrica di lampadine (www.fabbricadilampadine.it). Evolution di Paola D’Agostino Ditta specializzata in servizi di didattica e divulgazione nell’ambito della paleontologia e delle scienze naturali.

Consulenza scientifica Paola D’Agostino.
Direzione artistica e consulenza scientifica Diego Sala. 

L’iniziativa sostiene i progetti di riqualificazione di Parco Nord Milano grazie ai proventi delle donazioni e della vendita di gadgets.

sabato 10 marzo 2018

SHE FOUND FOSSILS - LEI TROVO' FOSSILI - PARTE 2

Dopo aver pubblicato il post di un bellissimo libro per invitare le bambine a mettersi in gioco come Paleontologhe (lo trovi a questo link), riguardando il libro  con ammirazione e più attenzione, ho notato un dettaglio che mi ha fatto pensare! 

Eccolo qui a fianco.

Nel libro è raffigurata questa mappa che rappresenta delle aree colorate che indicano le nazioni in cui le Paleontologhe lavorano e/o pubblicano i loro studi. In Europa si osservano colorate soltanto l'Inghilterra, la Germania e la Romania, risultano perfino colorate nazioni africane come il Kenia o il Madagascar. 

L'Italia è un'area bianca, non colorata e quindi per le autrici del libro non rappresentata da Paleontologhe italiane. 

Ma è proprio vero che in Italia non ci sono donne che operano in questo settore?

Io so che ci sono, anche se effettivamente dalla situazione che ho registrato con le interviste effettuate in questi anni (qui il link alle interviste) si ha l'impressione che questo settore delle scienze sia disabitato dal genere femminile. 

Mi chiedo quindi, ma in Italia esistono donne Paleontologhe? di cosa vi occupate? e per quale motivo i vostri contributi scientifici rimangono poco visibili?

Spero che qualche Paleontologa italiana mi scriva all'indirizzo indicato qui sotto allo scopo di aprire un confronto con loro in qualche intervista. Vorrei comprendere se effettivamente ci sia un grosso divario di genere in Italia nella Paleontologia e per quale motivo.

domenica 4 marzo 2018

SHE FOUND FOSSILS - LEI TROVO' FOSSILI - PARTE 1

Pubblicato grazie al crowfunding di Kickstarter nel 2017, "She found Fossils" è un libro per bambine/bambini da leggere in inglese o in spagnolo sulla storia passata, presente e futura delle donne nella Paleontologia (lo puoi comperare qui). 
La Paleontologia è lo studio degli animali e delle piante fossili e gli scienziati che gli studiano sono chiamati Paleontologi. Questa Scienza, partita 2 secoli fa, è stata da sempre portata avanti dagli uomini; le donne non sono mai state incoraggiate a perseguire questi studi, anche se molte donne l'hanno scelta come passione nella propria vita (ad esempio le famosissime M. Anning, o M. D. N. Leakey). 

Il libro "She found fossils" scritto dalle Paleontologhe Maria Eugenia Leone Gold e Abigael Rosemary West e illustrato da Amy J. Gardiner celebra le donne Paleontologhe di tutto il mondo. Si divide in 3 sezioni: le paleontologhe del passato, quelle presenti attualmente negli studi paleontologici in tutto il mondo e quelle che stanno studiando per diventarlo, le nuove future generazioni. 
Le autrici sperano che questo libro fornisca dei modelli di riferimento per i bambini di ogni genere ed etnia mostrando loro in quali modi si possa diventare Paleontologi, sebbene questo libro sia dedicato principalmente alle donne, alle ragazze ed alle bambine.

lunedì 1 gennaio 2018

500 curiosità stranezze record dinosauri

Benvenuto 2018! Auguri di un felice e sereno anno!

Sorpresa di inizio d'anno è stata ritrovare il nostro Tethyshadros in un nuovo libro edito dalla De Agostini dal titolo "500 curiosità stranezze record DINOSAURI". Libro accattivante dal punto di vista grafico, con centinaia di bei disegni e con dei contenuti scientifici sui dinosauri esposti con uno stile divulgativo di facile lettura. 500 curiosità, stranezze e record di moltissime specie di dinosauri rinvenuti in tutto il mondo, tra questi, nelle parti 407 e 408 anche il nostro dinosauro Antonio (pag. 204).